The Wine Show farà creazione di contenuti per il mercato del vino

The Wine Show farà creazione di contenuti per il mercato del vino

Il popolare The Wine Show, condotto da Joe Fattorini, allarga il proprio ambito alla creazione di contenuti per il mercato del vino ed alla consulenza di mercato.

Va in onda dal 2016, ed ora sono alla quarta stagione; si tratta di un tragitto attraverso le regioni del vino dall’America all’Europa. Il primo episodio partì proprio dall’Italia, una cantina al confine fra Lazio e Umbria. La produzione è negli studi di Londra di ITV e trasmessa anche da CH5, ed inoltre è anche su Prime Video.

Uno show da 85 milioni di spettatori

Lo spettacolo utilizza un formato documentario ed ha avuto un buon successo, sviluppando un pubblico affezionato all’argomento. In ogni episodio c’è una parte sulla storia del vino, e contemporaneamente vengono mostrati i luoghi nei dintorni della cantina visitata.. Tra i presentatori c’è Joe Fattorini, esperto di comunicazione del vino, insieme a Matthew Goode e Matthew Rhyse. Fattorini si occupa di vino da almeno 25 anni, ha scritto per l’Herald, per Harper’s Wine and Spirit e per The Buyer.

Oggi è responsabile vendite presso Fields Morris & Verdin. Nel 2017 gli è stato assegnato l’IWSC Wine Communicator of the Year e l’IWC Personality of the Year, e nel 2019 è stato nominato tra le 25 voci più influenti nel settore vinicolo del Regno Unito.

Adesso, come riporta The Drink Business, proprio Joe Fattorini è stato assunto a tempo pieno nel team creativo di The Wine Show insieme a Charlotte Wilde, con cui presenterà la prossima serie in onda a settembre.

Ora quindi nascerà il marchio TWS Creative, che lavorerà sulla creazione di contenuti per i marchi del settore wine&spirit; inoltre curerà la comunicazione aziendale per i propri clienti.

Content creator per il vino

La creazione di contenuti per il mercato del vino è una novità che il settore aspettava da tempo; ci sono già molte agenzie che lavorano bene nella comunicazione. Organizzazione di eventi, pubblicità ben fatta sui social, insomma un buon lavoro per la maggior parte di loro. Ma con questa mossa, The Wine Show fa di sicuro un passo avanti nel settore della comunicazione.

Il mercato del vino è piuttosto povero di contenuti; ha molte potenzialità ma non sono sfruttate, come si dice ai ragazzi a scuola.

Gli Stati Uniti forse non faranno il miglior vino del mondo, questa è prerogativa nostra; però c’è da dire che hanno capito bene, da molti anni, come venderlo. E soprattutto che il business del vino vale miliardi, non solo per le vendite ma per tutto l’indotto, dalle aziende di comunicazione a quelle che producono macchinari per la vigna e la cantina.

Proporre il vino con metodi nuovi

Esistono canali tv dedicati al vino, show presenti su YouTube che fanno milioni di visualizzazioni. Dell’uso dei canali digitali e che il marketing del vino ha la stessa importanza della produzione ne ho parlato anche qui.

Forse perché il settore del vino è troppo legato alle sue tradizioni per guardare avanti, o forse perché il mercato in fondo funziona bene. Ma quello che ha mostrato questo periodo, è che le situazioni a volte semplicemente succedono, e a volte non siamo per niente preparati. E quello che ci ha insegnato questa situazione è anche che, a volte, occorre andare oltre alle consuetudini.

La scelta di The Wine Show di dedicarsi alla creazione di contenuti per il mercato del vino va proprio in questa direzione. Melanie Jappy, direttrice creativa di TWS, ha affermato che “... abbiamo sempre avuto l’ambizione di essere più che i creatori di The Wine Show, e il Covid-19, ci ha dato l’impulso di farlo in modo più strutturato“.

Può essere qualcosa su cui riflettere e, forse, imparare qualcosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.