Blustream – controllo della conservazione del vino

Un’idea nasce dalla necessità di avere la soluzione di un problema, e così Bob Bean nel 2016 divenne il fondatore della piattaforma Blustream, una startup winetech per il controllo della conservazione del vino. Ma andiamo con ordine.

Controllo dei parametri di conservazione del vino

Con il passare del tempo la chitarra Taylor di Bob si era rotta, una crepa nel manico. La sua sensazione era che avrebbe dovuto accorgersene prima, riuscire a sapere di avere un problema prima che fosse diventato troppo tardi.

Così, Bob ha contattato Bob Taylor, il presidente di Taylor Guitars, per trovare una soluzione, ed in questo modo è nata Blustream, un dispositivo per il monitoraggio delle condizioni ambientali di beni deteriorabili. Blustream viene usato anche per il controllo della conservazione del vino. Oggi l’azienda offre servizi su piattaforma SaaS (Software as a Service) anche per il tracciamento dei prodotti.

Il dispositivo può essere installato in posti come cantine per il vino e scaffali, ed invia i dati di temperatura e umidità alla sua app. In questo blog ho già descritto dispositivi simili, ad esempio potete leggere questo post.

L’app si sincronizza con il sensore che include un igrometro e un termometro e posizionato all’interno della cantina o dello scaffale. In questo modo si possono conoscere le condizioni ambientali in tempo reale. L’app tiene traccia dell’umidità relativa e della temperatura ogni ora e visualizza le informazioni. Possono essere stabilite le adeguate soglie di alert in modo da essere avvisati di ogni variazione.

L’app può tenere traccia di più sensori, anche posizionati in posizioni diverse. Si creano dei cluster, degli aggregati cioè, che contengono tutti i sensori, in modo da tenere sotto controllo più cantine o magazzini contemporaneamente. Il sensore può essere usato anche come sistema di allarme per accessi non autorizzati o di furti nei magazzini. Se infatti il dispositivo viene rotto, perché ad esempio si apre una porta senza prima disinserirlo, questo viene segnalato, registrando la data e l’ora in cui è avvenuto il fatto.

La funzione accelerometro inoltre consente di verificare se un contenitore viene spostato in modo non opportuno o se il dispositivo viene fatto cadere.

Finanziamenti, Accordi e Brevetti

Blustream ha ricevuto fino ad ora 2,86 M$ di finanziamenti; l’ultimo da parte di York IE, società di investimenti con sedi a Manchester (UK) e Boston (US), pari a 1,1 M$ (fonte CB Insight). Ha depositato il brevetto del suo dispositivo a febbraio di quest’anno. Ha stretto accordi con Amazon per l’utilizzo del proprio device nel sistema Amazon Dash, e con il distributore di apparecchiature informatiche Northamber.


Se vuoi saperne di più sulle aziende che si occupano di wine tech e dell’industria vinicola in generale, potresti abbonarti alla newsletter settimanale. Direttamente nella tua casella di posta ogni domenica le informazioni e gli approfondimenti sul mondo delle aziende tecnologiche che si sono dedicate al mercato del vino. E naturalmente un modo semplice ma efficace per finanziare il blog The Digital Wine. Il pulsante qui sotto serve proprio a questo. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *